Written by 6:00 am Ristorazione

IL ROBOT DELLE TORTILLAS

Diversi colossi della ristorazione si stanno dotando di “aiutanti robotici” in cucina… Si tratta forse di una corsa ai ripari per la carenza di manodopera?

Questa mattina ho fatto colazione leggendo una notizia alquanto strana: una delle più importanti catene Fast Casual sta testando un modello di robot in cucina, più precisamente un aiutante nella realizzazione di un prodotto davvero iconico per il brand.

Gli “attori” in causa sono: Chipotle, Miso Robotics e… Le tortillas.

Chipotle si è da poco dotato di un hub per l’innovazione, il Chipotle Cultivate Center (di cui dovrò assolutamente parlarvi in futuro), e già si avvale di un team interno di ricerca, sviluppo e creatività davvero all’avanguardia per poter mantenere fede alla propria promessa di offrire un cibo “vero”.

Infatti, uno dei valori fondamentali per Chipotle è:

headline: We Do It By Being Real

Chipotle was born of the radical belief that there is a connection between how food is raised and prepared, and how it tastes. Real is better. Better for You, Better for People, Better for Our Planet. It may be the hard way to do things, but it’s the right way.

Link: https://www.chipotle.com/values

Come si coniuga questo tratto dell’idendità Chipotle con la necessità di testare un robot in cucina? Il team di ricerca e sviluppo sta lavorando con Miso Robotics per customizzare uno dei loro modelli di punta, che Chipotle ha rinominato “Chippy”.

Vediamolo all’opera:

Curt Garner, Chief Technology Officer di Chipotle, ha affermato che l’idea è nata quando la società ha iniziato a pensare di utilizzare la tecnologia e l’intelligenza artificiale per predire meglio i flussi di richiesta da parte dei clienti e non farsi trovare impreparata su questo importante snack.

In più, sottolinea sempre Garner, è anche difficile per i collaboratori abbandonare la linea classica per dedicarsi alla frittura delle patatine durante le ore di rush.

Mike Bell, CEO di Miso Robotics, ha ben spiegato la bontà dell’output di prodotto del robot:

Chipotle va pazzo per la freschezza e la sua filosofia è che tutto deve essere fatto davvero bene. Abbiamo portato il loro team culinario nella nostra struttura, facendo test di assaggio alla cieca. Ottenere voti alti e superare il giudizio di quel team è stata davvero una grande pressione per noi!

Link: https://cnb.cx/3qc33Is

In un clima da “Grandi dimissioni“, questa mossa di Chipotle potrebbe far drizzare le antenne a qualcuno e strappare i capelli ai complottisti del “uomo vs macchina”. Non è così e lo spiega bene ancora Garner, Direttore della Tecnologia dell’azienda:

Chipotle continua ad essere un posto davvero forte per quanto riguarda il lavoro. Non ci siamo approcciati a questa materia per risolvere un problema di manodopera. Il nostro obiettivo è rendere più facile il lavoro dei collaboratori, più divertente e più gratificante, eliminando delle mansioni che non piacciono ai membri del team e dar loro più tempo per concentrarsi sui compiti cruciali che svolgono.

Curt Garner, Chief Technology Officer di Chipotle

Questa notizia mi ha aperto un mondo, quello della robotica in cucina, che conosco poco e che – semplicemnete lanciando qualche ricerca su Google – si rivela molto avanzato e già in fase di adozione da parte dei colossi della ristorazione mondiale.

Lo approfondirò.

Mentre scrivevo questo articolo, ascoltavo:
(Visited 57 times, 1 visits today)
Tag: , , , , , , , Last modified: Marzo 17, 2022
Close